fuckingimperfect00

- Pronto?
- Andre mi senti?
- Si Giulia, cosa succede?
- Non lo so Andrea, non lo so
- Stai piangendo?
- Sto per morire Andrea
- Ma cosa diavolo stai dicendo? Giulia dove sei?
- Sono sul terrazzo Andrea e fa freddo
- Che ci fai lì? Torna dentro
- Voglio finirla qui Andrea, finire tutto
- Giulia, non dire cazzate! Dove cazzo sei, cosa cazzo fai?

Non smettevo di piangere. Era la prima volta che lo chiamavo, la prima volta che lui sentiva la mia voce e viceversa.

- Hai una bella voce Andrea
- Giulia rispondimi!

Non so del perchè l’ho chiamato, so solo che lui avrebbe capito. E che era davvero l’ultima persona che volevo sentire.
Fa freddo, e il vento passa attraverso i miei capelli.

- E’ alto sai?
- Giulia, ti prego, cosa stia facendo?
- Sia, Andrea, ho sempre avuto paura delle altezze. Eppure eccomi sul cornicione e sotto ho il vuoto. Andrea, non sono affatto forte e lo sai, come sai che ho sempre voluto volare. Ed il vento oggi vuole darmi questa possibilità

Ero con le lacrime agli occhi, e con il pianto silenzioso. Lui così troppo lontano da me.

- Giulia ti prego, torna indietro! Cazzo Cazzo!

Lo sento imprecare, ma tanto cosa vuole fare? E’ lontano 455km da me. Non può salvarmi

- Non puoi fermarmi
- Si che posso cavolo ti prego. Domani ti prometto che vengo da te ok? Prendo il primo treno e vengo da te, ti abbraccio e ti salvo ok? Tu però torna indietro
- NO!

Una si affaccia alla finestra e mi fissa. Urla al figlio di chiamare i carabinieri e l’ambulanza

- Hey ragazza, cosa hai intenzione di fare?

Non rispondo, le lacrime mi stanno annegando.

- Perchè Andrea? Perchè il mio futuro è solo uno stupido sogno? Sono stanca di essere invisibile, stanca di essere giudicata. Stanca di essere me. Sono stanca di lottare e di perdere sempre. Sono stanca di stare in piedi.
- Ti prego Giulia, ragiona
- Ci penso da troppo, troppo tempo. Voglia andare via, magari così rivedo il mio nonnino lassù e poi posso proteggerti. Insomma, guarda il lato positivo, mi avrai accanto
- Giulia, guarda il lato negativo. Niente più amore, niente più vita
- E questo è il negativo? Per me è un sogno
- Non avrai più me, ed io non potrò più tenerti con me. Parlarti, baciarti Giulia.
- Oh Andrea, una signora mi fissa. Ma io non ce la faccio. Qui fanno altro che puntare il dito. E poi, sono troppo grassa, troppo brutta, troppo inutile per esistere. Un errore ecco, un aborto mancato
- Ma cosa cazzo dici! Dove sono i tuoi?
- Non ci sono - sorrido felice

E sento il vento aumentare, fa freddo e questo vento mi entra nelle vene. Vedo opaco e il mio viso si congela ad ogni lacrime. Faccio un respiro profondo, poi un altro. Voglio davvero finire tutto il dolore, tutto questo marcio.
5 anni che lotto, che resisto. 5 anni che sono invisibile, 5 anni che mi giudicano e mi prendono in giro. 5 anni che fingo 5 anni che sono sola. 5 anni, la mia adolescenza deve finire presto.

- Ragazza, ti prego ragiona!
- Ascoltala!
- Sei giovane, con un futuro e con dei sogni.
- Giulia ascoltala!
- Diventerai madre e troverai l’amore. Ragazza, non fare idiozie. Tu meriti il meglio, e di vivere
- Giulia meriti di meglio ed io voglio te!
- Ragazza, ti prego, levati da lì!
- Salvati Giulia!
- Sei una ragazza così carina!

Mi fermo, “carina” ecco cosa sono. Un abbastanza per la sufficienza, un nono abbastanza per essere la sufficienza.

- Sono carina
- Giulia
- Sono carina per te?
- Si, ragazza sei carina

"Carina" io? Lo sono sempre stata, quella cosa "carina" sinonimo di diverso, che significa non adatto, non abbastanza. "Carina" e il cuore si calma, "carina" e prendo l’ultimo respiro.

- Giulia…Giulia! Giulia!
- Carina
- No, nonono, sei bellissima Giulia bellissima!
- Carina, grazie signora, mi ha fatto capire che non vado bene neanche per essere salvata

Chiudo gli occhi e mi giro, metto play l’mp3 e volo.
“Carina” urlo.

(via ilragazzochesiodia)

i brividi, cazzo

(via ventiquattrounoduemilatredici)

Ogni volta piango

(via ipezzidime)

Cazzo.

(via nonsoabbandonare)

..carina

(via amarefinoasanguinare)

"Carina."

(via laragazzadagliocchidoceano)

Carina.

(via diariodiunaragazzainsignificante)

"carina"

(via laragazzachesorridepiangendo)

fuckingimperfect00

Mi chiamo Amy ho cinque anni, mia sorella si chiama Lilith e ne ha 16.
Lilith una volta è tornata a casa piangendo, ma mi ha detto di non dirlo alla mamma e che andava tutto bene.
Lilith a volte si chiude in bagno per ore dopo aver cenato.
Lilith ha tutti i temperini rotti, ma non so perché.
Lilith nasconde sempre le mani nelle maniche.
Lilith ha sempre i maglioni lunghi.
Lilith a volte fissa il vuoto per lunghi istanti.
Lilith ha sempre la musica nelle orecchie e non mi sente quando parlo.
Lilith ha sempre dei graffi sulle braccia ma dice che è stato il nostro gatto.
Lilith ha smesso di mangiare i dolci che fa la mamma.
Lilith ha smesso di mangiare la pizza che fa la mamma.
Lilith ha smesso di mangiare l’arrosto che fa la mamma.
Lilith non si porta più la merenda a scuola.
Lilith ha smesso di mangiare i panini buonissimi della mamma.
Lilith ha smesso di mangiare.
Lilith beve tanta acqua.
Lilith a volte mangia, ma dopo scappa in bagno, non capisco perchè.
Lilith viene sempre sgridata dalla mamma perché a scuola va male.
Lilith fuma di nascosto dalla mamma.
Lilith va a scuola senza zaino.
Lilith oggi non è tornata da scuola.
La mamma oggi piange.
Lilith oggi mi è mancata.
La mamma continua a piangere, anche papà piange.
Lilith ha dimenticato il telefono sul mio letto e continua a suonare.
Lilith non è tornata ed è sera.
Mamma e Papà mi hanno lasciata dalla nonna tutto il giorno oggi.
Mamma e Papà sono tornati piangendo oggi.
Lilith non c’è più.

Mi chiamo Amy ho 16 anni mia sorella si chiamava Lilith e si è suicidata quando avevo 5 anni.
Da quando Liilith non c’è più i miei continuano a litigare.
Da quando Lilith non c’è più la mamma è andata in depressione e mio padre si è fissato col lavoro.
Da quando Lilith non c’è più,il suo armadio non è più stato aperto.
Da quando Lilith non c’è più il gatto graffia anche le mie braccia.
Da quando Lilith non c’è più mamma non cucina più niente di buono.
Da quando Lilith non c’è più la nonna non sa più chi sono.
Da quando Lilith non c’è più penso di essere un errore.
Da quando Lilith non c’è più,la mamma non mi ha mai abbracciata.
Da quando Lilith non c’è più mi manca come l’aria.
Da quando Lilith non c’è più sto come stava lei.

Ora so come stava Lilith.
Ora non mangio più nemmeno io.
Ora vado male a scuola anche io.
Ora fumo di nascosto anche io.
Ora ascolto sempre musica anche io.
Ora aiuto tutti per non dover affrontare il dolore che ho io.
Ora piango tutti i giorni anche io.
Oggi ho lasciato il telefono a casa anche io.
Oggi non sono tornata a casa neanche io.
Oggi ho preso una decisione importante.
Oggi ho scritto una lettera.
Oggi ho una pistola in mano.
Oggi vado a trovare Lilith.

pain-will-destroy-you (via quelfottutissimosorriso)

…ogni volta che lo leggo le lacrime ci sono sempre!!!!!

(via bruciaallinfernoamoremio)

L’ho rebloggato tipo 4 volte, e non smetterò mai. È bellissimo…

(via urlonelsilenzio)

Quando lo leggo mi ritrovo cosi tanto nella descrizione di lilith …

(via misentocosisolablog)